JamToday a Coolest Projects Milano 2017

I Coolest Projects sono contests promossi dalla CoderDojo Foundation, basata in Irlanda a Dublino e che opera attraverso i dojo locali in tutto il mondo. Coderdojo è impegnata nella diffusione della creatività digitale e del pensiero computazionale in età scolare.

I Coolest Projects sono nati 6 anni fa, per ispirare la nuova generazione di creatori digitali, innovatori, changemakers e imprenditori. Le ragazze e i ragazzi di età compresa tra i 7 ei 17 anni che partecipano, hanno l’opportunità di presentare progetti originali realizzati singolarmente o in gruppo nell’ambito della creatività digitale.

Queste 6 edizioni di Coolest Projects Dublino, hanno visto i giovani sviluppare e presentare progetti utilizzando le ultime tecnologie, dal Cloud, all‘Internet of Things (IoT) alla realtà virtuale, per esprimere la propria creatività.

Il 4 novembre a Milano, alla Fabbrica del Vapore, Matteo Uggeri (eLearning and gamification expert) terrà uno speech dal titolo: “Giovani inventori di videogiochi – JamToday: per realizzare un serious game in un week end”.

 

Screenshot-2017-10-24 Giovani inventori di videogiochi

http://milano.coolestprojects.it/2017/10/14/giovani-inventori-videogiochi/

Advertisements

Cos’è una game jam?

BLOG - Game Jam

In Europa sono note da tempo, oggi anche in Italia si stanno diffondendo con successo. Ad esempio la Global Game Jam del 2015, organizzata in Italia in varie città, ha visto la location milanese (Politecnico di Milano, coordinamento Prof. Pier Luca Lanzi) al 4° posto a livello mondiale come partecipazione. Ecco come l’hanno vissuta i partecipanti: https://www.youtube.com/watch?v=hP–clnQIe0

Game jam:

  • eventi per programmatori, implementatori, pirati informatici*
  • sfide a colpi di codice (e di idee)
  • arco di tempo limitato (da poche ore a 1 settimana. 48 ore circa nel nostro caso)

http://globalgamejam.org/

*nelle game jam i partecipanti sono ormai più genericamente persone interessate ai giochi, con svariate competenze che spaziano dalla capacità di ideazione di giochi, story telling, grafica, ecc…